Trend alert: il ritorno del velluto nell’arredamento

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©L’Opificio

Il tessuto più morbido e voluttuoso è tornato prepotente come trend 2018 di interior design. Già nel 2017 aveva fatto capolino nelle principali collezioni, ma quest’anno è decisamente il suo anno. Sto parlando dell’uso del velluto nell’arredamento. Divani, poltroncine, complementi d’arredo e carte da parati sono gli elementi che più facilmente vengono realizzati in velluto, con colori che esaltano la drammaticità della stoffa.

Tipi di velluto

Il filato originario del velluto è in seta, emblema della lucentezza, morbidezza e del lusso che il velluto rappresenta. Ad oggi non sono più tantissime le aziende che scelgono di utilizzarla, in quanto poco elastica: è stata sostituita da  velluti in cotone, lino, lana, mohair e fibre sintetiche come la viscosa.

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©India Mahdavi

Il velluto è un tessuto dall’elaborata tessitura, diversa a seconda del risultato che si vuole ottenere. Genericamente il velluto è detto “velluto riccio“, in cui la trama e l’ordito si incrociano; dopo tre battute viene alzato l’ordito di pelo con una bacchettina tonda in ferro, che tiene sollevati tutti i peli che formano la quarta battuta. Le battute seguenti bloccano i peli intorno alla bacchetta, che una volta sfilata lascia anelli di filo che sporgono. Sono proprio questi “anellini” a dare quel tocco morbido e quella lucentezza particolare.

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©Roche Bobois

Il velluto nell’arredamento invece si chiama “velluto unito“: a differenza di quello riccio la bacchetta ha una sezione ogivale e non tonda, che permette di cimare la quarta battuta.

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©vtonen

Naturalmente sono molto diffusi anche i velluti operati, ossia con una trama o effetti dati dal metodo di filatura. Il courduroy è il velluto a coste, il froissé è un velluto dall’aspetto sgualicto, il soprarizzo è un velluto operato con effetto damascato ed il jacquard che è un velluto con un disegno intessuto nella trama.

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©L’Opificio

Consigli di interior design

Il velluto è un materiale che si fa notare, per questo va usato con estrema attenzione. Rappresenta un ambiente lussuoso e molto elegante: è adatto a case luminose, dalle pareti chiare e pavimenti in legno o effetto cemento. L’ideale è abbinarlo con legno o metalli opachi, per un effetto sobrio, mentre per un effetto più sfarzoso il velluto è perfetto con metalli lucidi, come l’ottone placcato oro.

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©Style&Minimalism

Scopri come arredare una casa poco luminosa usando arredi in velluto!

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©Diesel Creative Team
Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©Opificio

Scopri il trend 2018 del paravento!

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©Urban Outfitters
Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©casavogue

Pulizia del velluto

Il velluto è (purtroppo) un materiale molto delicato, la cui manutenzione varia a seconda del filato. Se si tratta di un velluto in seta deve essere lavato a secco, per mantenere l’elevata brillantezza e l’effetto cangiante. Per velluti in lino o cotone l’ideale è tamponare con un panno imbevuto d’acqua e asciugare oppure utilizzare una spazzola, anche contropelo.

Colori trend 2018

I colori che meglio risaltano il velluto, con mille sfumature cangianti, sono sicuramente il rosa, il viola e il verde smeraldo. Il rosa è un po’ il colore dell’anno, mentre Ultra Violet è il colore Pantone 2018; il verde era il colore Pantone 2017 ed è un colore che è rimasto nel mondo dell’arredo proprio per la sua versatilità.

Trend alert: il ritorno del velluto nell'arredamento
©Chiara Stevanato

Scopri il Colore Pantone 2018 e il Colore Pantone 2017!

Altri colori trend 2018 che sicuramente troveremo negli arredi e complementi in velluto nell’arredamento sono il senape, il rosso mattone, il blu jeans, il rosa pesca ed il verde oliva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti anche