#ChiediamoloA Rolando Greco pittore surrealista

#ChiediamoloA Rolando Greco pittore surrealista

Oggi parliamo di arte! C’è un artista che ho scelto di presentarti oggi, perchè amo la sua arte surrealista e desidero far conoscere anche a te i suoi “castelli in aria”, che ho scoperto in alcune rinomate gallerie d’arte a Orta San Giulio. È Rolando Greco pittore del Sud Italia, i cui quadri (ri)portano ad un tempo lontano e privo di gravità. Nato a Cosenza nel 1966, ha vissuto per molti anni nel Nord Italia e partecipato al gruppo En plein air, attivo dal 1930.

#ChiediamoloA Rolando Greco pittore surrealista

La finestra dei desideri – 2014

I suoi lavori mi hanno sempre colpita e volevo capirne di più: qual è il suo percorso di studi e cosa l’ha portata a dipingere?

Il mio è un dono di natura. Ho sempre disegnato e all’età di 12 anni ho iniziato a frequentare persone o maestri che dipingevano. Poi, quando mi sono trasferito al Nord, ho fatto diversi corsi di pittura. Tra questi ho seguito un corso importantissimo sull’equilibrio ambientale, architettura e arredamento e colori per i quadri.

Ci racconti qualcosa dell’esperienza del gruppo “En plein air”. Come si è sviluppato negli anni il suo stile, fino ad arrivare a questa pittura surrealista?

Il gruppo italiano “En plein air” fu fondato dal maestro Walter Visioli, pittore di Bormio. Veniva gestito in modo professionale da molti critici e storici d’arte, tra cui Umberto Zaccaria, Umberto Tessari e  Bertacchini. Era molto difficile entrare nel gruppo, lo ammetto. Io ho avuto occasione di farne parte dopo aver vinto il primo premio al concorso internazionale di pittura a Salso Maggiore Terme.

#ChiediamoloA Rolando Greco pittore surrealista

Lo studio di Rolando Greco pittore.

Assieme al gruppo ho girato tutta l’Italia, un’esperienza che mi ha permesso di arricchire la mia conoscenza sull’arte. Per me è stato come frequentare un’accademia per 10 anni.

Quali sono gli artisti o le artiste che la ispirano?

Da bambino amavo i quadri di Renè Magritte, in seguito ho apprezzato molto anche Salvator Dalì. La mia passione mi ha portato a studiare molte altre tecniche, ma solo nel surrealismo ho poi trovato la mia strada, perchè a me piace giocare con la pittura.

La figura più ricorrente dei suoi dipinti è una città medievale: come mai questa scelta di soggetto e da dove viene l’ispirazione? E’ una città sempre diversa, esiste o di fantasia?

Nel meridione ci sono tanti paesaggi arroccati che nascono dalle rocce. Io li trasformo in paesaggi medievali, per renderli piu’ pittorici e fantasiosi.

#ChiediamoloA Rolando Greco pittore surrealista

Tutto ritorna – 2015

#ChiediamoloA Rolando Greco pittore surrealista

A fine serata – 2013

Vuoi sapere dove trovare le sue opere? Lascia un commento o scrivimi. Se ti è piaciuta questa intervista lascia un cuoricino qui sotto!
37