Design autoprodotto: cos'è e dove trovarlo

Design autoprodotto: cos’è e dove trovarlo

Made in Italy, artigianato, indipendenza. Queste parole mi sono sempre piaciute, perchè simbolo di quel design autoprodotto che piace a me: quello giovane, quello intraprendente, quello di qualità. Anche per me funziona così e mi piace sempre circondarmi di fornitori che abbiano la mia stessa visione ed etica lavorativa.

Design autoprodotto: cos'è e dove trovarlo

Cos’è il design autoprodotto

Il design autoprodotto in sostanza è la produzione di un oggetto a spese del suo creatore, in modo che non ci sia selezione artistica, di mercato o revisione finale in funzione di costi e produttività per chi produce. Per affermare questa ricerca di indipendenza c’è stata una sorta di “ribellione al sistema”: il design autoprodotto crea una filiera che parte dal designer e arriva direttamente al consumatore.

Design autoprodotto: cos'è e dove trovarlo

Chi sono i designer che autoproducono

Nella mia ricerca di validi fornitori per l’arredo, oltre ad affidarmi al know how di grandi aziende, ho deciso di proporre anche design autoprodotto da giovani designer. Sono parte di quella generazione di Millennials (a cui appartengo anche io) che è diventata designer, anzi “artigiano”, proprio per rispondere a esigenze di vita quotidiana, guardando le cose da un diverso punto di vista.

Design autoprodotto: cos'è e dove trovarlo

Si chiamano “crafter”, “artigiani” o “designer” ma il significato non cambia: da una scuola di design si buttano subito con un progetto personale, spinti dal desiderio di semplificare i passaggi, di abbassare il costo per tutti e di proporre qualcosa che abbia un linguaggio personale e non sia legato ad un’azienda precisa.

Design autoprodotto: cos'è e dove trovarlo

Dove si trova il design autoprodotto

Per chi abita a Milano, la risposta è una sola. La Milano Design Week! Frequentare da anni la Milano Design Week ha sicuramente contribuito ad accrescere in me la consapevolezza che c’è bisogno anche di un design intraprendente e fresco, che non passi per forza attraverso troppe fasi di approvazione del prodotto e quindi a una sua eventuale snaturazione. Da qualche anno anche Torino, con il festival Operae ha lasciato spazio ai giovani designer.

Design autoprodotto: cos'è e dove trovarlo

Durante l’arco dell’anno, slegato da eventi fieristici, preferisco cercare online, il vero regno di noi Millennials. Un sito interessante è Hiro, che si definisce “la prima industria on demand per i designer”. Su Hiro infatti un designer carica il proprio progetto, viene contattato dal team di Hiro, viene prodotto il prototipo e una piccola serie e viene poi messo in vendita. Il prezzo è stabilito dal designer con il supporto di Hiro, che si occupa della vendita e della spedizione. Tra l’altro ho personalmente testato il sito di Hiro e il servizio di spedizioni e sono rimasta molto contenta.

Design autoprodotto: cos'è e dove trovarlo

Il metallo

E’ il materiale che fa da filo conduttore su questo e-commerce, un dettaglio che ho apprezzato. I giovani talenti riuniti infatti creano oggetti di metallo, con inserti di altri materiali. L’obiettivo finale è proporre oggetti ed arredi unici, in serie limitate, di alta qualità. Benchè infatti non ci sia una selezione sulle idee creative presentate, viene fatta una scrematura per evitare prodotti che siano troppo vicini al bricolage.

Design autoprodotto: cos'è e dove trovarlo
Ti interessa scoprire designer di nicchia? Eccone alcuni!

Pezzi di Venezia trasformati in oggetti di design in legno

#ChiediamoloA Giovelab: ceramica wabi-sabi in Trentino!

Ringrazio Hiro per il supporto nella realizzazione di questo articolo.

E non dimenticarti di lasciare un cuoricino! 😉
23