Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

Il paravento è uno degli arredi che più sta tornando nelle nostre case. Rispolverato dalla moda europea anni ’20, le sue origini arrivano però dall’antica Cina, dove venivano accorpati telai e pannelli laccati con elaborati dipinti. E’ in Europa che il loro uso passa da decorativo a funzionale: oggi viene utilizzato come separatore per un’unica stanza o per ricavare un angolino appartato. I materiali e gli stili sono tantissimi, alcuni più coprenti altri meno a seconda della loro effettiva funzione.

Paravento laccato

Brick Screen è un capolavoro del design, ad opera dell’architetta Eileen Gray, che per anni studiò le superfici laccate sotto la guida di un maestro giapponese. In questo caso il paravento diventa più che un mero divisorio, quanto più una scultura vera e propria.

Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

©classicon.com | Il tavolo e.1027, divano Day Bed e il paravento Brick.

Si tratta di un insieme di pannelli fissi e mobili, laccati a mano con un processo che dura diverse settimane. Inutile dire che fa parte della collezione permanente del MOMA di New York e che è un pezzo di design unico: perfetto per un open space importante, dove poter esaltare tutta la sua bellezza.

Scopri Eileen Gray e la sua storia!

Paravento in stile liberty

Si chiama Monocles  ed è prodotto da Essential Home. Si tratta di un separè in legno di noce, con una texture bucata e incorniciata in ottone dorato. Questa soluzione crea un effetto vedo-non vedo che rende adatto questo paravento ad un ambiente living, come un salotto dietro cui nascondere un angolino riservato oppure la divisione tra angolo relax e angolo pranzo.

Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

Perfetto con velluto e mobili in legno scuro vintage.

Il design, seppur moderno, è chiaramente ispirato alle linee moderniste e liberty degli anni ’20 ed è perfetto con poltrone e divani in velluto, un altro grande trend del 2018.

Paravento in stile Japandi

Uno stile minimale e orientaleggiante, senza fronzoli. Lo stile Japandi è un must del 2018 e naturalmente non può mancare un paravento adeguato. La struttura è in legno di hevea, che noi tutti conosciamo come “albero della gomma”: si tratta infatti di un legno molto resistente e molto elastico, perfetto per realizzare pannelli di grandi superfici senza che subiscano deformazioni.

Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

Semplice e minimale: tutto quello che ci si aspetta dallo stile japandi.

All’esterno la struttura è dipinta in grigio scuro da un lato, come molti separè giapponesi ed è rivestita di un pannello in MDF color quercia.

Questo splendido paravento giappo-insipired è prodotto da Miliboo e si può comprare anche online!

Paravento in vetro

A molti può sembrare un azzardo, invece avere un paravento in vetro è perfetto per chi vuole mantenere una casa luminosa. Il paravento in vetro di Glas Italia è costituito da due cristalli trasparenti extralight temperati, con una texture formata da scacchiere orientate perpendicolarmente in modo da creare un gioco di specchi.

Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

Un effetto vedo non vedo, intrigante in bagno o in camera e perfetto per dividere angolo cottura e salotto.

In questo modo si confonde facilmente ciò che viene riflesso e ciò che c’è nascosto dietro. Perfetto per un grande bagno o uno spazio living.

Paravento in tessuto

Si chiama Levante ed è di Missoni Home, una garanzia per quanto riguarda il campo dei tessili. Il telaio è in legno, imbottito con ovatta e rivestito. Il rivestimento è sfoderabile e le texture disponibili sono tantissime. Si va dalle classiche righe Missoni a fasce decorate con motivi floreali, sempre con la palette colori che caratterizza Missoni Home: viola, senape e blu.

Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

Un interno non proprio sobrio, ma Misson d’altronde fa del colore una vera e propria… Missione!

Paravento in carta ondulata

Anche lui non è una novità, il suo designer Luigi Baroli lo ha pensato nel 1992 per Baleri Italia: si tratta di un altra icona nel panorama dei paraventi. E’ autoportante in carta ondulata, ricavata da pura cellulosa riciclabile. I colori disponibili sono 4: bianco, avana, blu e carta da zucchero.

Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

Total white e carta per un tocco di leggerezza estetica, mantenendo alta coprenza.

E’ molto adatto ad ambienti di lavoro, come uffici o studi professionali. Tuttavia lo ritengo molto adatto anche per il residenziale: perfetto per una camera da letto in cui ricavare una nicchia… per nascondere i vestiti!

Paravento caldo

Sì, hai letto bene: è caldo. La mia ultima proposta è Origami, di Tubes Radiatori, un termoarredo. Nella sua versione free-standing è un vero e proprio paravento che, attaccato alla corrente, si scalda e delinea lo spazio allo stesso tempo.

Trend alert: il paravento come separazione degli ambienti

Bianco candido si nasconde quasi nella parete, non facendosi notare

Ti piacciono queste selezioni di paravento? Ecco altri trend di arredo del 2018!

Trend alert: tappeto Beni Ourain, cos’è e dove trovarlo

6 tendenze casa 2018 per pavimenti e rivestimenti

Ultra violet: ispirazioni colore Pantone 2018

E non dimenticarti di lasciare un cuoricino! 😉
26